martedì 25 febbraio 2014

Sanremo 1968 - Tony Renis e Domenico Modugno
Il posto mio

 Sanremo 1968  

 I vincitori del Festival dal 1951

 Domenico Modugno - midi karaoke 

Il testo Vorrei vedere un altro al posto mio non so se lui farebbe quello che faccio io sono lo scendiletto su cui cammini tu cammini a piedi nudi fin da quando ti svegli al mattino sto qui come uno specchio a dirti che esisti sulla terra solo tu tu leggi nei miei occhi tutta la fedeltà di un cane che ubbidisce solo a te io sono quello che ti dà ragione anche se hai torto marcio solo perchè sei tu per me che t'amo tanto sei giusta come sei ti so capire in tutto perchè vivo soltanto di te vorrei vedere un altro al posto mio ma no non ne parliamo il posto è mio anzi ti chiedo scusa mi son sfogato un pò ma sai che al posto mio io resterò anzi ti chiedo scusa mi son sfogato un pò ma sai che al posto mio io resterò accordi G VORREI VEDERE UN ALTRO F# AL POSTO MIO Dm NON SO SE LUI FAREBBE E7 QUELLO CHE FACCIO IO C6 Cm6 SONO LO SCENDILETTO GM7 SU CUI CAMMINI TU A CAMMINI A PIEDI NUDI Am7 FIN DA QUANDO D7 TI SVEGLI AL MATTINO G STO QUI COME UNO SPECCHIO F# A DIRTI CHE Dm ESISTI SULLA TERRA E7 SOLO TU Am7 Cm6 TU LEGGI NEI MIEI OCCHI GM7 E7 TUTTA LA FEDELTA' A7 Am7 DI UN CANE CHE UBBIDISCE G SOLO A TE D#7 G# IO SON O QUELLO CHE G TI DA' RAGIONE D#m ANCHE SE HAI TORTO MARCIO F7 SOLO PERCHE' SEI TU A#m7 C PER ME CHE T'AMO TANTO G#M7 SEI GIUSTA COME SEI A#7 Fm6 TI SO CAPIRE IN TUTTO C#M7 C7 F#7 PERCHE' VIVO SOLTANTO DI TE B VORREI VEDERE UN ALTRO A# AL POSTO MIO F#m6 MA NO NON NE PARLIAMO G#7 IL POSTO E' MIO C#m Em6 ANZI TI CHIEDO SCUSA B G#9 MI SON SFOGATO UN PO' C#7 F#7 MA SAI CHE AL POSTO MIO Bm C IO RESTERO' B7 B Gm6 A7 F6 Fm6 ANZI TI CHIEDO SCUSA C A9 MI SON SFOGATO UN PO' D7 G7 MA SAI CHE AL POSTO MIO C G# C6 IO RESTERO'

Sanremo 1977 - I SANTO CALIFORNIA - Monica











IL testo

 Io amore mio
 Io senza di te
 Non so cosa farei
 Dei giorni miei
 Senza di te
 Io che non so dire mai
 Che amo te
 Con questa lettera
 Dirт che negli occhi e nella mente
 Ho solo te
 Di giorno, di notte
 Ti amo, ti amo di piщ
 Amore mio sempre vivrт
 Io amore mio
 Io senza di te
 Non so cosa farei
 Dei giorni miei
 Senza di te
 Monica
 Anima mia
 Sono felice e triste
 Davanti alla scuola mi hai detto sм
 Ma ora che sono lontano
 Pensa
 E a mezzanotte fissa una stella
 E lм ci incontreremo
 Ora sono contento sai
 Davanti a me ho qua la tua immagine
 E tu anche senza dire niente
 Hai capito che
 Di giorno, di notte
 Ti amo, ti amo di piщ
 Amore mio sempre vivrт
 Io amore mio
 Io senza di te
 Non so cosa farei
 Dei giorni miei
 Senza di te
 Io amore mio
 Io senza di te
 Non so cosa farei
 Dei giorni miei
 Senza di te.

mercoledì 19 febbraio 2014

Sanremo 2014 - Francesco Sàrcina - IN QUESTA CITTÀ











IL testo

IN QUESTA CITTÀ
di F. Sarcina

 Oggi forse sto,
 Ad imparare un po’ di più ciò che non va,
 In questa testa dura che dimentica
 I migliori momenti,
 Li ricorda solo quando è tardi.
 Ma questa volta tocca a te
 Ad ascoltare ciò che ho da dirti ma,
 Non pensare che io sia uno di quelli
 Che vuole distrarre,
 Oppure peggio che non ha compassione.
 «Ma voglio vivere e contraddistinguermi,
 Come fosse il primo giorno insieme a te,
 Dopo una lunga sosta in città,
 In questa città, che non serve a niente».
 Tu chiamami, se vuoi,
 Codardo perché non ho tempo per,
 Rincorrerti tra le tue folli ansie,
 Dovute alle mancanze.
 «Ma voglio vivere e contraddistinguermi,
 Come fosse il primo giorno insieme a te,
 Dopo una lunga sosta in città,
 In questa città, che non serve a niente».

Sanremo 2014 - Roberto Sinigallia - UNA RIGENERAZIONE











I testi

UNA RIGENERAZIONE
 di R. Sinigallia – F. Gatti
 
Non siamo dei non siamo macchine
 Non siamo soli adesso qui
 Ma tu mi parli in una lingua che non so capire
 Ed è difficile anche solo dirsi sì
 Un lampo un inciampare un battito
 È tutto chiaro avanti a noi
 Ma poi per la paura di conoscerci
 Ti dico cosa voglio
 Dimmi cosa vuoi
 L’avevi detto tu
 Facciamo entrare il sole
 Scoprendo dentro al palmo della mano un’altra immagine del nostro cuore
 Un cuore giovane
 Come la prima volta
 Per una volta ancora
 Giovane
 Come la prima volta
 Per una volta ancora
 Lo so che noi possiamo vivere e danzare
 Più dolcemente di così
 Senza pensare di fermare il tempo per salvarci
 O a un’altra scusa per arrenderci
 L’avevi detto tu
 Lasciamo entrare il sole
 Seguendo dentro al palmo della mano un’altra immagine del nostro cuore
 E sei ancora giovane
 Come la prima volta
 Per una volta ancora
 Giovane
 Come la prima volta
 Per una volta ancora
 Una rigenerazione
 Una rigenerazione
 Una rigenerazione
 Una rigenerazione
 Una rigenerazione
 Una rigenerazione

Sanremo 2014 - Ron - SING IN THE RAIN









  Ron - midi karaoke 

Il testo

SING IN THE RAIN
di Ron – M. Del Forno

 Distratto
 Sempre il solito
 Comunemente insolito
 Protagonista del mio circo
 Trapezista, leone, domatore
 Quanto costa
 Tornare indietro non lo so
 Anche se, sto bene come sto
 Malinconico… e un po’ comico
 Dentro me
 C’è un cane che canta per me
 «Sing in the rain»
 Sta piovendo
 Stai cantando
 Conto i passi che abbiam fatto
 Palazzi vuoti accanto
 Sogni in affitto
 Come te, come me,
 Lo so che non ce n’è
 Quante voci stiamo ascoltando
 Riusciremo a salvare il mondo
 Così resto su
 Dritto e guardo in su
 Limpido
 Come il cielo nella notte che si illumina di blu
 E ci sei tu…
 «Sing in the rain»
 Ed il treno va, non si fermerà
 Ci sarà
 Sempre qualcuno che ci tradirà
 Fuori piove già…
 «Sing in the rain»
 «Sing in the rain»
 «Sing in the rain»

Sanremo 2014 - Francesco Renga - A UN ISOLATO DA TE











Il testo

A UN ISOLATO DA TE
di R. Casalino

Si muove la tenda nella stanza
 E non ti sembra ci sia aria.
 Ti senti estranea anche stavolta
 All’atmosfera natalizia.
 Qualcuno che canta per la strada,
 Ti sembra una canzone nuova
 Eppure se provi a ricantarla
 La trovi nella tua memoria.
 Hai sentito dire che l’amore
 Vive solo a un isolato da te
 Come mai non l’hai incontrato prima che
 Commettessi il grave errore di credere
 Che l’amore vero non esiste
 E che tutto intorno a te sia triste.
 Piuttosto che essere normale
 Hai scelto di essere felice
 Nessuno può farti da garante
 Ma il rischio non intimorisce.
 Ammetti di essere capace di amare
 E non lasciarti amare
 Perché non riesci a sopportare
 Il peso delle mie parole.
 Hai sentito dire che l’amore
 Vive solo a un isolato da te
 Come mai non l’hai incontrato prima che
 Commettessi il grave errore di credere
 Che l’amore vero non esiste
 E che tutto intorno a te sia triste
 Perché la ragione non ammette
 Obiezioni a quello che non vede
 Anche se non sai cosa ti manca
 Puoi sentirne forte la mancanza.
 Hai sentito dire che l’amore
 Vive solo a un isolato da te
 Come mai non l’hai incontrato prima che
 Commettessi il grave errore di credere
 Che l’amore vero non esiste
 Guardati allo specchio,
 Non sei più triste.

Sanremo 2014 - Renzo Rubio - PER SEMPRE E POI BASTA











Il testo

PER SEMPRE E POI BASTA
 di O. Rubino – A. Rodini – O. Rubino

Un quarto alle tre
 C’è una mosca sulla lampada a led
 Gli occhi vogliono andarsene
 Ma il mio cuore è in movimento
 E penso che
 Il mio stomaco sia in briciole
 Cerca un paio di coccole
 Gli regalo una caramella
 E non basterà neanche quella
 Sono stato abituato male con te
 Solo un’altra canzone
 Poi cancellerò il tuo nome
 Per sempre ed un’ultima volta
 Ti porterò con me
 Insieme tra sette notine
 Danzeremo per sempre e poi basta
 E ogni volta che suonerò questa nota
 Sarai vicino a me
 C’è una macchia microscopica
 Nel tuo bulbo oculare
 Non è nulla
 Non devi farti controllare
 Sono io quella macchia grigia
 Fissa in ogni cosa che fissi
 La mia testa è come un girasole non si alza più
 Solo un’altra canzone
 Poi cancellerò il tuo nome
 Per sempre ed un’ultima volta
 Ti porterò con me
 Mentre tu mi stai mordendo
 Io ti sto riservando un posto tra i miei pensieri
 Reparto ricordi migliori
 E tra l’infanzia
 E il primo ginocchio che ho scioccamente sbucciato
 Ci sono i tuoi occhi grandi
 Ora sarò banale
 Ma a me ricordano il mare
 Ora molla fa male
 Ora molla fa male
 Anche se non mi do pace
 Una spada sarà questa voce
 Per sempre ed un’ultima volta
 Ti porterò con me
 Insieme tra sette notine
 Danzeremo per sempre e poi basta
 E ogni volta che suonerò questa nota
 È un sì
 Sarai vicino a me

Sanremo 2014 - Giuliano Palma - Così lontano











 Giuliano Palma - midi karaoke 

Il testo

COSÌ LONTANO
di M. Ciappelli – A. Flora – N. Zilli

Non ti aspettavo
 Non ti volevo più
 Avevo già deciso, dimenticarti
 Non ci credevo
 Tu mi hai sorpreso fragile
 Sarà il momento giusto
 Sarà la voglia che ho di te
 Così lontano
 Come fosse uno scherzo del destino
 Come dentro ad una nuvola di fumo
 Tu sei qui più vicino di ieri
 Mentre io guardo fuori
 Non ti aspettavo, oh no
 Non ti pensavo più
 Avevo già buttato tutti i ricordi dietro me
 Così lontano
 Come fosse uno scherzo del destino
 Come dentro ad una nuvola di fumo
 Tu sei qui più vicino di sempre
 Mentre io guardo fuori la gente
 Ma adesso è tardi anche per spiegare
 Sarebbe come non respirare
 Sarebbe come rispondere
 A chi non sa cosa chiedere
 Così lontano
 Come fosse uno scherzo del destino
 Come dentro ad una nuvola di fumo
 Tu sei qui più vicino di ieri
 Mentre io guardo fuori
 Così lontano
 Come fosse uno scherzo del destino
 Come se non importasse più a nessuno
 Oggi sei solo meglio di ieri

 accordi per chitarra 

Fam   Sibm
Non ti aspettavo non ti volevo più
Mib              Fam
avevo già deciso dimenticarti
Fam
Non ci credevo
Sibm
tu mi hai sorpreso fragile
Mib
sarà il momento giusto
Fam
sarà la voglia che ho di te

Sibm
così lontano
Mib  Fam
come fosse uno scherzo del destino
  Sibm
come dentro ad una nuvola di fumo
  Mib
tu sei qui più vicino di ieri
 Do
mentre io guardo fuori

Fam  Sibm
non ti aspettavo non ti pensavo più
Mib
avevo già buttato
Fam
tutti i ricordi dietro me

Sibm
così lontano
Mib  Fam
come fosse uno scherzo del destino
  Sibm
come dentro ad una nuvola di fumo
  Mib
tu sei qui più vicino di sempre
  Do
mentre io guardo fuori la gente

Sol#   Sibm
Ma adesso è tardi anche per spiegare
Sol#  Sibm
Sarebbe come non respirare
       Do
Sarebbe come rispondere a chi non sa cosa chiedere

Sibm
così lontano
Mib  Fam
come fosse uno scherzo del destino
  Sibm
come dentro ad una nuvola di fumo
  Mib
tu sei qui più vicino di ieri
 Do    Re
mentre io guardo fuori

Dom
così lontano
Fa  Solm
come fosse uno scherzo del destino
  Dom
come se non importasse più a nessuno
  Fa
oggi sei solo meglio di ieri
Re
il problema è domani
Trascritta da Simone Franceschi

Sanremo 2014 - Noemi - Un uomo è un albero











Il testo

UN UOMO È UN ALBERO
di V. Scopelliti – D. Faini – D. Mancino – V. Scopelliti

Se vuoi farti capire
 Non puoi scrivere poesie
 Se vuoi farti capire
 Non raccontarti mai bugie
 Se vuoi farti sentire
 Non fare come me
 Che ho lasciato cadere
 Tutto ciò che un uomo è
 Per me
 Un uomo è un albero
 Per me
 Un uomo ha il coraggio di guardarsi in faccia
 Per me un uomo è un’idea
 Per me
 Un uomo è come te
 Voglio un’alba di pace
 E dei sogni per questa tempesta
 Non ha senso tenere la rabbia compressa
 E stivali pesanti che possano tenermi a terra
 Una pioggia d’amore fortissimo
 Per me
 Un uomo è un albero
 Per me
 Un uomo ha il coraggio di guardarsi in faccia
 Per me un uomo è un’idea
 Per me
 Un uomo è come te
 Un uomo è come te
 Never give up
 Never give up
 Never give up
 Never give up
 Never give up
 Never give up
 Per me
 Un uomo è un’idea
 Per me
 Un uomo è come te
 Un uomo è come te

martedì 18 febbraio 2014

Sanremo 2014 - Giusy Ferreri - L’AMORE POSSIEDE IL BENE











Il testo

L’AMORE POSSIEDE IL BENE
di R. Casalino – N. Verrienti – R. Casalino

Trattengo il respiro
 Ma conto fino a sette
 Perché all’improvviso tu irrompi e mi baci
 Ho il sale sulle labbra
 Non è acqua di mare
 Sorridere fa bene, rimpiangere fa male
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui vado avanti
 Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque tu possiedi me
 E io te, e io te.
 Disegno a parole
 Il mondo che ho dentro
 La vita risponde ad ogni quesito
 Lontani da sempre
 Dai luoghi comuni
 Inutili come sassi i nostri rancori
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui guardo avanti
 Lascio dietro me mille ricordi
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque io possiedo te
 E tu me, e tu me
 Rimpiangere fa male
 Sorridere fa bene
 L’amore ci possiede…
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui vado avanti
 Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque tu possiedi me
 E io te, e io te
 L’amore possiede il bene
 L’amore possiede il bene

 accordi per chitarra 

LA  MI  SOL  RE

   LA
Trattengo il respiro
    MI
Ma conto fino a sette
   SOL                                 RE
Perché all’improvviso tu irrompi e mi baci
     LA
Ho il sale sulle labbra
    SI-
Non è acqua di mare
   SOL                  RE
Sorridere fa bene, rimpiangere fa male
FA#-                             RE              LA
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                           MI          LA
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
  FA#-                           RE
E nel momento in cui vado avanti
LA                                  MI
Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
FA#-                         
È l’amore a possedere il bene,
       RE         LA
Dunque tu possiedi me
             LA
E io te, e io te.
   LA
Disegno a parole
    MI
il mondo che ho dentro
   SOL                     RE
La vita risponde ad ogni quesito
  LA
Lontani da sempre
    SI-
Dai luoghi comuni
   SOL                           RE
Inutili come sassi i nostri rancori
 
FA#-                             RE            LA             MI
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                          RE           LA          MI          
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
FA#-                              RE
E nel momento in cui guardo avanti
LA                             MI
Lascio dietro me mille ricordi
FA#-                         
È l’amore a possedere il bene,
     RE            LA
Dunque io possiedo te
          MI     RE
e tu me, e tu me
RE
Rimpiangere fa male
LA
Sorridere fa bene
           SI-
L’amore ci possiede…
FA#-                              RE              LA         MI
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                            RE        LA           MI  
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
FA#-                             RE
E nel momento in cui vado avanti
LA                               MI
Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
FA#-                       
È l’amore a possedere il bene,
       RE           LA
Dunque tu possiedi me
     MI        LA
E io te, e io te
L’amore possiede il bene
L’amore possiede il bene.

Sanremo 2014 - Cristiano De André - INVISIBILI











IL testo

INVISIBILI

di F. Ferraboschi – C. De André

Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io qualche volta passeggiavo da quelle parti lì
 Il profumo dell’estate a volte era gradevole
 E le tue medagliette al merito sul petto brillavano
 Brillavano molto più dei miei lividi
 Tu camminavi nell’inquietudine
 E la mia incudine era un cognome inesorabile
 Un deserto di incomunicabilità
 Tu eri laureato in danni irreversibili
 [che la droga provoca al cervello
 Io un po’ di questo un po’ di quello
 In fondo niente di veramente utile
 Tu eri bravissimo a specchiarti nelle vetrine
 Io altrettanto a svuotare le cantine
 Per noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la realtà
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 E ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse parlare male di noi
 Ma eravamo invisibili, talmente invisibili che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io avevo preso una stanza in affitto
 [da quelle parti lì
 Io dimostravo fondamentalmente i miei anni
 Tu ormai non sapevi più quali fossero i tuoi
 Perché a Genova si moriva a vent’anni
 Ma senza diventare mai, mai degli eroi
 Coi tuoi separati a colpi di calibro trentotto
 E i miei tenuti insieme dalla speranza per l’umanità
 Noi sempre oltre ogni limite
 Quel limite era una scommessa da non perdere mai
 Tu eri bravissimo a ballare sulle rovine
 Io altrettanto a rubare comprensione
 Di noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la verità
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 Io ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse accorgersi di noi
 Ma eravamo invisibili, che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 E u l’à ripurtòu inderée sensa ciü un sensu
 Ma òua che ghe vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa

Sanremo 2014 - Perturbazione - L’ITALIA VISTA DAL BAR











Il testo

L’ITALIA VISTA DAL BAR
di T. Cerasuolo – P. Giancursi – A. Baracco – P. Giancursi -

L’Italia vista dal bar
 È un’istantanea di noi
 Quasi impossibile da spiegare
 Non c’è governo che tenga
 Una possibilità
 Che qualche cosa potrà cambiare
 Un Biancosarti al mattino
 Cappuccini fumanti
 Il centravanti cos’ha mangiato
 I tramezzini imbottiti
 I vecchi pensionati
 Inebetiti con il passato
 E questi siamo noi
 Poeti, santi ed avventori
 E mediamente eroi
 Qualcuno ce l’ha fatta
 Ed è volato via
 Ma quanta nostalgia
 L’Italia vista dal bar
 È sempre un fatto degli altri
 Ognuno c’entra
 E si sente a casa
 C’è il giornale che aspetta
 Un’altra sigaretta
 Un salutarsi come per strada
 E uno straniero è straniero
 Perché questo mistero
 Resterà senza soluzione
 E se la gente s’incazza
 Scenderemo in piazza
 Oppure a far la ri-colazione
 E questi siamo noi
 Poeti, santi ed avventori
 E mediamente eroi
 Qualcuno ce l’ha fatta
 Ed è volato via
 Ma quanta nostalgia che ha
 E non importa se il posto
 Non è più fisso, non è più lo stesso
 Ci deve essere un nesso
 Tra la felicità e l’espresso
 Proprio adesso
 Proprio adesso
 L’Italia vista dal bar
 È un’istantanea di noi
 Quasi impossibile da spiegare
 Ed io che cerco un nesso
 Tra un desiderio espresso
 E la felicità qui e adesso

Sanremo 2014 - Arisa - Lentamente











Il testo

LENTAMENTE 
di C. Donà – R. Pippa – S. Lanza – C. Donà
 
Il primo che passa
 Si prenderà il cuore
 La mia voce amara
 E l’anima se la vuole
 Quell’orologio fermo che hai lasciato sopra il letto
 Il primo che passa
 Si porterà via
 Il tuo ultimo abbraccio
 La nostra vita e così sia
 Quell’orologio fermo da un po’ si è sciolto sopra il letto
 E tu sei scivolato dentro a questo mio risveglio
 Lentamente si apre il giorno davanti a me
 Luce calda che l’orizzonte fa nascere
 Cresce una mela su un ramo ed io vivo
 Masticare la realtà nuda
 Certamente poi mi servirà a non avere paura
 È come guardi il mondo che poi
 Ti cambia tutto dentro
 E penso a te su questo su questo prato
 Dove una volta per te ho cantato
 L’alba è pronta ed io mi commuovo sempre
 Lentamente si apre il giorno davanti a me
 Luce calda che l’orizzonte fa nascere
 Stacco la mela da un ramo ed io vivo
 Lentamente
 Luce calda che l’orizzonte sa far nascere
 Cade una mela da un ramo ed io vivo

Sanremo 2014 - Frankie Hi-Nrg Mc - UN UOMO È VIVO











Il testo

UN UOMO È VIVO

di F. Di Gesù – C. Galbignani  
F. Di Gesù - C. Galbignani – L. Beccafichi
 
Il ritorno, guardarsi intorno, come fosse il primo
 giorno dopo l’inferno. Tutto è fermo in un interno,
 tutto predisposto all’eterno. Sotto la polvere c’è
 della cenere in quel posacenere, quello che era
 di là, che è sempre stato di là, quello che usava
 papà, cosa ci fa su quel tavolo? In quei giorni
 tutto prende un altro posto, tutto prende un
 alto costo, tutto prende un altro gusto, assai
 robusto: sembra tutto meno giusto, sembra
 guasto. Oggi reincontro dei mobili, gli unici
 ospiti, quelli che abitano i posti che il tempo
 rende muti, ma se ascoltati nei contenuti parlano.
 Quello che era normale è passato di qua,
 Quello che era normale è passato…
 Quello che era speciale si ritroverà.
 Quello che era speciale è restato…
 Quello che era per sempre non ritornerà.
 Quello che era per sempre è cambiato…
 Quello che era normale è passato di qua,
 Quello che era normale…
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre
 Mobili, compagni stabili, con gambe solide, con
 forme utili, eppure immobili: testimoni degli
 eventi storici, che i terremoti son riusciti a
 scuotere, che hanno visto la pianura e il mare,
 che hanno avuto tempo per pensare, da un
 punto di vista sempre uguale, loro c’erano
 ad ogni Natale. È normale che la sensazione
 sia gelida, come quella dell’ennesima visita,
 con mani da stringere, giacche da scegliere,
 tutti a convincersi dell’irreparabile. Poi tutto
 evapora e restan le cose, polverose, poderose,
 dove si nascose l’anima dei figli e delle spose.
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre…
 Uomini rapiti dalle case, dalle cose, dalle accuse,
 dalle scuse silenziose, dalle attese, da chi le ha
 deluse, da chi le ha pretese. Ed ora queste cose,
 importanti: cose da grandi. Cose che arrivano,
 che non domandi, non rimandi, che tramandi.
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre…

Sanremo 2014 - Antonella Ruggieri - QUANDO BALLIAMO











Il testo

QUANDO BALLIAMO
di S. Lenzi – A. Ruggiero – R. Colombo – A. Ruggiero

Nel cuore più vivo della verità
 Intenso è il mio pensiero
 Socchiusa negli occhi scintilla
 L’immagine nitida, tu
 Sei questo respiro infinito
 Di pioggia dai vetri giù in rivoli
 Passa tutto scivola se
 La tua mano mi attende
 Tutto passa e va via
 Io voglio che tu sia
 Tra le più belle cose
 Tra le più belle cose
 M’innamorerò di te
 Tutti i santi giorni che
 Si fa la sera e torno a casa
 Ci guardiamo complici
 Tra la gente gli unici
 Quando balliamo insieme io e te
 La luce scoperta in un battito
 Le ombre… si dissolvono
 Passa tutto scivola se
 La tua mano mi stringe
 Siamo solo noi due
 Ma voglio siano tue
 Le mie più belle cose
 Le mie più belle cose
 M’innamorerò di te
 Tutti i santi giorni che
 Si fa la sera e torno a casa
 Ci guardiamo complici
 Tra la gente gli unici
 Quando balliamo insieme io e te

Sanremo 2014 - Raphael Gualazzi - TANTO CI SEI








 
TANTO CI SEI
 di G. Sangiorgi – R. Gualazzi – B. C. Rifo – R. Gualazzi

Tanto ci sei
 Ogni volta che
 La voce trema e poi
 Tu sei qui
 Di fronte a me
 Immobile
 Canto leggero e sei
 Soffio d’anima e aria
 Nessuno può vederti a parte me
 Ma so che ci sei
 Ad occhi chiusi puoi
 Trasformarti in tutto quello
 Che non sono stato mai
 (Mmmmh)
 Sembri uguale a me
 Se ripenso a te
 Non ho più bocca e poi
 Canto e torni
 Come se
 Non ci fosse più
 Niente più
 D’impossibile
 Suono e ci sei
 Tra le dita sei
 Ah ah
 Mi perdo sempre qui
 Se se ti penso, sbaglio e mi perdo
 Sempre qui
 Sempre qui
 Sempre qui
 Ti vedo adesso
 Nel nero scivoli
 Non andar via
 Resta qui
 Resta qui
 Resta qui
 Proprio qui
 E lasciati guardare
 Non ho più mani e allora torni
 Come se
 Fossi ancora qui
 Ad occhi chiusi puoi
 Trasformarti in tutto quello
 Che non sono stato mai
 (Mmmmh)
 Sembri uguale a me
 Se ripenso a te
 Non ho più bocca e poi
 Canto e torni
 Come se
 Non ci fosse più
 Niente più
 Niente più
 D’impossibile

giovedì 13 febbraio 2014

Sanremo 1964 - Fabrizio Ferretti - La prima che incontro











Il testo

(Ti voglio bene, ti voglio bene,
ma adesso, basta!)
Me ne andrò, me ne andrò
me ne andrà con la prima che incontro
scorderò, scorderò
le tue labbra baciate da un altro
che ne sai dell'amor
non parlar, gli occhi tuoi
stan dicendo per te la verità.
T'amerò, t'amerò
fino all'ultimo giorno del mondo
piangerò, piangerò
soffrirò ricordando i tuoi baci
forse un dì perdonar ti saprò, ora no
e perciò me ne andrò senza di te.

Me ne andrò, me ne andrò.

che ne sai dell'amor
non parlar, gli occhi tuoi
stan dicendo per te la verità.
T'amerò, t'amerò
fino all'ultimo giorno del mondo
piangerò, piangerò
soffrirò ricordando i tuoi baci
forse un dì perdonar ti saprò, ora no
e perciò me ne andrò senza di te...
e perciò me ne andrò senza di te.

accordi

Gm
TI VOGLIO BENE... 

TI VOGLIO BENE... MA ADESSO... 

Gm    Fm9
BASTA!!! 

D#
ME NE ANDRO'  ME NE ANDRO' 

ME NE ANDRO' CON LA PRIMA CHE INCONTRO 

Cm
SCORDERO' SCORDERO' 

                              G#6
LE TUE LABBRA BACIATE DA UN ALTRO 

           A#7
CHE NE SAI DELL'AMOR 

       A#m6
NON PARLAR GLI OCCHI TUOI 

Cm           Cm6           Fm7
STAN DICENDO PER TE LA VERITA'... 

D#
T'AMERO'  T'AMERO' 

FINO ALL'ULTIMO GIORNO DEL MONDO 

Cm
PIANGERO'   PIANGERO' 

                              Fm
SOFFRIRO' RICORDANDO I TUOI BACI 

             G7
FORSE UN DI' PERDONAR 

     Cm7
TI SAPRO', ORA NO 

Fm7                             D#    E C#m E C#m A6
E PERCIO' ME NE ANDRO' SENZA DI TE...             


           F#m7
CHE NE SAI DELL'AMOR 

       Bm6
NON PARLAR GLI OCCHI TUOI 

C#           C#m6          F#m7
STAN DICENDO PER TE LA VERITA'... 

E
T'AMERO'   T'AMERO' 

FINO ALL'ULTIMO GIORNO DEL MONDO 

C#m
PIANGERO'   PIANGERO' 

                              F#m
SOFFRIRO' RICORDANDO I TUOI BACI 

             G#7
FORSE UN DI' PERDONAR 

     C#m7
TI SAPRO', ORA NO 

F#m7                            E
E PERCIO' ME NE ANDRO' SENZA DI TE... 

C#m          A               E       C#m7 Am E
E PERCIO' ME NE ANDRO' SENZA DI TE...

Sanremo 1964 - Little Tony - Quando vedrai la mia ragazza











Il testo

Amico mio
quando a casa tornerai
e vedrai la mia ragazza
devi dirle tutto quello
che mi sento dentro il cuor.

Dille che ormai
io vedo solo lei
che morirei
se non sapessi che
fra poco tempo
ritornerò e per noi
ci sarà anche il tempo della felicità.
Dille che lei
deve aspettare me
che tornerò
se lei mi aspetterà
tu che lo sai
tu devi dirle che
quando vedo un'altra donna penso soltanto a lei.

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh.

Ma se vedrai
che lei non pensa a me
se riderà
di quel che le dirai
se tu vedrai
che c'è qualcuno che
ora ha preso il mio posto dentro il cuore di lei.
Ora ti prego
quando ritornerai
non dire niente
io capirò lo sai
non dire niente
non dirmi niente mai
in un bar ci saranno due bicchieri per noi.

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh.

Quando tu la vedrai.

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh

Eh eh eh eh eh eh eh
Eh eh eh eh eh eh eh.

accordi

Gm7

a a a a amico mio 

    Cm7             Gm
quando a casa  tornerai 

    Cm7              Gm
e vedrai la mia ragazza 

     Cm7
devi dirle 

          Gm
tutto quello che mi sento dentro il cuor 


      Gm
dille che mai 

io penso solo a lei che morirei 

                                Cm
se non sapessi che  tra poco tempo io ritornero' 

           D                          Dm7
per noi ci sara' anche il tempo della felicita' 

          Gm
dille che lei 

deve aspettare me che tornero' 

                               Cm
se lei mi aspettera' tu che lo sai 

                                                   Dm
tu devi dirle che quando vedo un'altra donna penso soltanto a lei 


Gm
eh eh eh eh eh eh eh   eh eh eh eh eh eh

Cm                        Gm
eh eh eh eh eh eh eh   eh eh eh eh eh eh 


Gm
ma se vedrai   

che lei non pensa a me se ridera' 

di quel che le dirai 

        Cm
se tu vedrai che c'e' qualcuno 
                                        D7
che ora ha preso il mio posto dentro il cuore di lei 

       Gm
ora ti prego 

quando ritornerai non dire niente 

                           Cm
io capiro' lo sai non dire niente 

non dirmi niente mai 

                                Dm
in un bar ci saranno due bicchieri per noi 


   Gm
eh eh eh eh eh eh eh  eh eh eh eh eh eh

Cm                      Gm            Gm
eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh eh


Gm7 Gm Cm7 


Dm7    Gm
ora ti prego 

quando ritornerai  non dire niente 

io capiro' lo sai 

         Cm
non dire niente  non dirmi niente mai 

                             Dm
in un bar ci saranno  due bicchieri per noi 


   Gm                                  D#
eh eh eh eh eh eh eh  eh eh eh eh eh eh

Cm                       Gm
eh eh eh eh eh eh eh  eh eh eh eh eh eh

A# Gm                                       D#
   eh eh eh eh eh eh eh   eh eh eh eh eh eh 

Cm                        Gm             Gm7
eh eh eh eh eh eh eh   eh eh eh eh eh eh 

Sanremo 1964 - Gino Paoli - Ieri ho incontrato mia madre













Il testo

Ieri ho incontrato mia madre
ed era in pena perché
sa che ti vengo a cercare,
sa che non penso che a te.
Ieri ho incontrato mia madre
e ha pianto un poco perché
sa che non sono più suo,
sa che ora vivo per te.
Crede di avermi perduto per sempre,
che non m'importi più niente di lei,
ora la vita del figlio che aveva
la puoi guidare tu con un dito.
Ieri ho incontrato mia madre
ed era in pena perché
sa che ti vengo a cercare,
sa che non penso che a te.
Ieri ho incontrato mia madre
e ha pianto un poco perché
sa che non sono più suo,
sa che ora vivo di te.

accordi

A Dm A7
                A
IERI HO INCONTRATO MIA MADRE  

Dm A7          A          Dm A#6             Am
   ED ERA IN PENA PERCHE'    SA CHE TI VENGO A CERCARE 

Dm Gm6
   SA CHE NON PENSO CHE A TE 

A7              A
IERI HO INCONTRATO MIA MADRE 

Dm A7          A               Dm A#6          Am
   E HA PIANTO UN POCO PERCHÉ     SA CHE NON SONO PIÙ SUO 

Dm Gm6
   SA CHE ORA VIVO PER TE 

A7 D            D9         A7
   CREDE DI AVERMI PERDUTO PER SEMPRE 

D                 D9         A7
CHE NON M'IMPORTI PIÙ NIENTE DI LEI 

Bm9      Bm            A7
ORA LA VITA DEL FIGLIO CHE AVEVA 

DM7             Bm     A7
LA PUOI GUIDARE TU CON UN DITO 

          A                   Dm A
IERI HO INCONTRATO MIA MADRE     ED ERA IN PENA PERCHE' 

Dm A#6          Am            Dm Gm6
   SA CHE TI VENGO A CERCARE     SA CHE NON PENSO CHE A TE

A7 D A A7 D A A7 Bm9 Bm A7 DM7 Bm
A7              A
IERI HO INCONTRATO MIA MADRE 

Dm A7          A               Dm A#6             Am
   E HA PIANTO UN POCO PERCHE'    SA CHE NON SONO PIÙ SUO, 

Dm Gm6                  A7
   SA CHE ORA VIVO DI TE

Gm6 Gm9 Dm Gm6 Dm

Sanremo 1964 - Fausto Cigliano, Gene Pitney - E se domani






 
Sanremo 1964  

midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951





Il testo

E se domani
io non potessi
rivedere te
Mettiamo il caso
che ti sentissi stanco di me
quello che basta
all'altra gente
non mi darà
nemmeno l'ombra della perduta
felicità
E se domani
e sottolineo se
all'improvviso
perdessi te
avrei perduto
il mondo intero
non solo te
E se domani
e sottolineo se
all'improvviso
perdessi te
avrei perduto
il mondo intero
non solo te.

accordi

G       G7+
E se domani
           Em
io non potessi
         G7+  Em
rivedere te.   
             G
Mettiamo il caso
            E7
che ti sentissi
          Am  D7
stanco di me.  
           Am   Am7+
Quello che basta
            Am7
all'altra gente
            Am Am7+ Am7
non mi dara'        
            D
nemmeno l'ombra
         D+5
della perduta
          G   G7+
felicitaaaaaa'.
         Dm
E se domani,
             G
e sottolineo se,
          C7+
all'improvviso
         Cm6
perdessi te,
          Bm Em7
avrei perduto
            Am7
il mondo intero,
D7       G  E7
non solo te.

A       A7+
E se domani
           F#m
io non potessi
         A7+  F#m
rivedere te.   
             A
Mettiamo il caso
            F#7
che ti sentissi
          Bm  E7
stanco di me.  
           Bm   Bm7+
Quello che basta
            Bm7
all'altra gente
            Bm Bm7+ Bm7
non mi dara'        
            E
nemmeno l'ombra
         E+5
della perduta
          A   A7+
felicitaaaaaa'.
         Em
E se domani,
             A
e sottolineo se,
          D7+
all'improvviso
         Dm6
perdessi te,
          C#m   F#m7
avrei perduto   
            Bm7
il mondo intero,
E7       A
non solo te.

Sanremo 1964 - Pino Donaggio - Motivo d'amore













IL testo

Io ti ringrazio perché te ne vai
hai capito che il nostro amore
è finito come tanti.
Come il giorno scompare nel buio
piano piano tu vai nella notte
per staccarti da me.
Però ricorda ovunque tu andrai
che no, non dimenticherò
la gioia che tu mi hai dato
i giorni e i giorni vissuti assieme
e ricorda che i nostri profili
vagano insieme nel cielo
seguiti da questa musica
che li accompagnerà per sempre.
La la la la la la la la la la
è la cosa che resta di noi
è motivo d'amor.
La la la la la la la la la la
la la la la la la
è motivo d'amor.

accordi

G Em Am

   Em    Am7
Io ti ringrazio 

              G
perche' te ne vai, 

      Em                  Am
hai capito che il nostro amore

     F#7       B7
e' finito come tanti.

Em       Am6
Io ti ringrazio 

                  G           Em
perche' te ne vai come il giorno

                 Am       B7       Em
scompari nel buio per staccarti da me.

D#7        Fm
Pero' ricorda,ovunque andrai,

che no, non dimentichero'

         C#
la gioia  che tu mi hai dato

          D#7
in giorni e giorni vissuti assieme

       Fm
e ricorda che i nostri profili

vagano insieme nel cielo

     C#
seguiti  da questa musica 

    F#                   B
che li accompagnera' per sempre

Em        Am7
La  la la la 

                G
la la la  la la la

        Em
e' la cosa che resta di noi:

Am   B              Em Am7 G Em Am B Em
un motivo d'amor!...                 

       Am9   Em
un motivo d'amor!

Sanremo 1964 - Remo Germani - Stasera No, No, No











IL testo

Stasera no no no non puoi dirmi di no
(stasera no)
stasera no no no senza te non ci sto
(stasera no)
dì alle amiche che verrai
a passeggio insieme a me
e che voglio stare solo insieme a te
ti porterò o o in un posto che so
(ti bacierò)
e ti darò o o tutti i baci che ho
(ti bacierò)
se qualcuno passerà
che ci amiamo capirà
fingerà di non vederci e se ne andrà.
T'amerò, noi siamo giovani
m'amerai, noi siamo giovani
non voltar le spalle all'amor
ti dirò frasi romantiche
m dirai frasi romantiche
mai mai mai stasera scorderai.
Stasera no no no non puoi dirmi di no
(stasera no)
stasera no no no senza te non ci sto
(stasera no)
giuro da domani in poi
faccio quello che tu vuoi
ma stasera devi uscire insieme a me.
Stasera no no no non puoi dirmi di no
dì alle amiche che verrai
a passeggio insieme a me
e che voglio stare solo insieme a te.
T'amerò, noi siamo giovani
m'amerai, noi siamo giovani
non voltar le spalle all'amor
ti dirò frasi romantiche
m dirai frasi romantiche
mai mai mai stasera scorderai.
Stasera no no no non puoi dirmi di no
(stasera no)
stasera no no no senza te non ci sto
(stasera no)
giuro da domani in poi
faccio quello che tu vuoi
ma stasera devi uscire
ma stasera devi uscire
ma stasera devi uscire insieme a me.

accordi

G7 G9 C C6 G7 G



C    F     Am7    C6                  Am7
STASERA NO'NO'NO' NON PUOI DIRMI DI NO

C          Am7                       Dm6
STASERA NO'NO'NO' SENZA TE NON CI STO

      C                   Gm
DI' ALLE AMICHE CHE VERRAI

        F
A PASSEGGIO INSIEME A ME

      Am7               D7          G
E CHE VOGLIO STARE SOLO INSIEME A TE


            C    C6                Am7
TI PORTERO 'O'O' IN UN POSTO CHE SO

C          C6                      Dm6
E TI DARO 'O'O' TUTTI I BACI CHE HO

Dm       C          Gm
SE QUALCUNO PASSERA'

       F
CHE CI AMIAMO CAPIRA'

         G7
FINGERA' DI NON VEDERCI

              C
E SE NE ANDRA'

  F
T'AMERO' NOI SIAMO GIOVANI

      C6
MI AMERAI NOI SIAMO GIOVANI

       Dm                    C
NON VOLTAR LE SPALLE ALL'AMOR

   F
TI DIRO' FRASI ROMANTICHE

     C6
MI DIRAI FRASI ROMANTICHE

        G7          Dm6       C
MAI MAI MAI STASERA SCORDERAI 


Am                                    C6
STASERA NO'NO'NO' NON PUOI DIRMI DI NO

C          C6                        Dm6 G
STASERA NO'NO'NO' SENZA TE NON CI STO  

      C               Gm
GIURO DA DOMANI IN POI

           F
FACCIO QUELLO CHE TU VUOI

      G7                           C
MA STASERA DEVI USCIRE INSIEME A ME

G#7        C#     C#6                 C# C#6 C# G#
STASERA NO NO'NO' NON PUOI DIRMI DI NO          





G#7   C#                  G#m
DI' ALLE AMICHE CHE VERRAI

        F#
A PASSEGGIO INSIEME A ME

      G#7                           C#
E CHE VOGLIO STARE SOLO INSIEME A TE

  F#
T'AMERO' NOI SIAMO GIOVANI

      C#6
MI AMERAI NOI SIAMO GIOVANI

       D#m                   C#
NON VOLTAR LE SPALLE ALL'AMOR

   F#
TI DIRO' GRASI ROMANTICHE

     C#6
MI DIRAI FRASI ROMANTICHE

        G#7         D#m6     C#
MAI MAI MAI STASERA SCORDERAI


A#m                                   C#6
STASERA NO'NO'NO' NON PUOI DIRMI DI NO

C#         C#6    A#m7               D#m6
STASERA NO'NO'NO' SENZA TE NON CI STO

G#    C#              G#m
GIURO DA DOMANI IN POI

           F#
FACCIO QUELLO CHE TU VUOI

      F#6              G#7
MA STASERA DEVI USCIRE 

           F#6           G#7       C#6
MA STASERA DEVI USCIRE INSIEME A ME

Sanremo 1964 - Bruno Filippini - Sabato Sera











Il testo

Lunedì 
com'è triste il lunedì senza te 
martedì 
com'è vuoto il martedì senza te 
mercoledì 
ci potremo salutar 
solamente per telefono 
come pure giovedì...e venerdì 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare... ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 
ma Sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare... ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 
Lunedì 
si comincia a lavorar lunedì 
martedì 
si comincia ad aspettar martedì 
mercoledì 
un bacetto ti darò 
solamente per telefono 
come pure giovedì...e venerdì 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare...ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare...ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare...ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
ti potrò baciare...ti potrò baciare 
ma sabato sera 
ti porto a ballare 
e potrò restare con te!! 

accordi

A Bm A Bm A Bm Em

  D Dm
Lunedi' 

com'e' triste il Lunedi' senza te 

Dm   Gm
Martedi' 

com'e' vuoto il Martedi' senza te 

       A#
Mercoledi' 

ci potremo salutar 

                A
solamente per telefono 

A#                           F#m
come pure Giovedi'... e Venerdi' 

          A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

               A                    Bm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

           Em
e potro' restare con_te!! 

D         A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

               A                    Bm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

           Em        D
e potro' restare con te!! 

    Dm
Lunedi' 

si comincia a lavorar Lunedi' 

Dm   Gm
Martedi' 

si comincia ad aspettar Martedi' 

       A#
Mercoledi' 

un bacetto ti daro' 

                A
solamente per telefono 

A#
come pure Giovedi'... 

       F#m
e Venerdi'.... 

          A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

               A                    Bm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A
ma Sabato sera 

              Bm
ti porto a ballare 

           Em        D#
e potro' restare con te!! 

          A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

               A#                   Cm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

           Fm        D#
e potro' restare con te!! 

          A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

               A#                   Cm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

           Fm        D#
e potro' restare con te!! 

          A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

               A#                   Cm
ti potro' baciare... ti potro' baciare 

            A#
ma Sabato sera 

              Cm
ti porto a ballare 

           Fm
e potro' restare con te!! 

Sanremo 1964 - Tony Dallara - Come potrei dimenticarti











Il testo

Come potrei dimenticarti
dopo quei giorni passati insieme,
come potrei dimenticare
i baci tuoi che davi a me
con quelle labbra innamorate.
Come potrei dimenticare
le lunghe sere vicino al mare
quando perduta tra le mie braccia
donavi a me, soltanto a me,
i tuoi vent'anni pieni d'amor.
Hai cambiato la mia vita e lo sapevi
che avrei sofferto lontan da te,
anche a te qualunque cosa, dovunque sia,
ricorderà quel nostro amor
che non c'è più.
Come potrei dimenticarti
dopo quei giorni passati insieme,
e se dovessi mai più vederti
ricorda che io t'amerò
tutta la vita, tutta la vita.
Anche a te qualunque cosa, dovunque sia,
ricorderà quel nostro amor
che più non c'è.

accordi

G                     D
COME POTREI DIMENTICARTI 

                              G
DOPO QUEI GIORNI PASSATI INSIEME, 

                     C
COME POTREI DIMENTICARE 

           G              D
I BACI TUOI CHE DAVI A ME 

              G
CON QUELLE LABBRA INNAMORATE. 

                     D
COME POTREI DIMENTICARE 

                           G
LE LUNGHE SERE VICINO AL MARE 

                              C
QUANDO PERDUTA TRA LE MIE BRACCIA 

            G               D
DONAVI A ME, SOLTANTO A ME, 

              G
I TUOI VENT'ANNI PIENI D'AMOR. 

                                D7
HAI CAMBIATO LA MIA VITA E LO SAPEVI 

                                 G
CHE AVREI SOFFERTO LONTAN DA TE, 


ANCHE A TE QUALUNQUE COSA, 

         C
DOVUNQUE SIA, 

           G            D
RICORDERA' QUEL NOSTRO AMOR 

                   G
CHE NON C'E' PIU'. 

                         D
COME POTREI DIMENTICARTI 

                              G
DOPO QUEI GIORNI PASSATI INSIEME, 

                           C
E SE DOVESSI MAI PIU' VEDERTI 

               G           D
RICORDA CHE ...IO T'AMERO' 

           G                 D7
TUTTA LA VITA, TUTTA LA VITA.

G
ANCHE A TE QUALUNQUE COSA, 

              C
DOVUNQUE SIA, 

           G            D
RICORDERA' QUEL NOSTRO AMOR 

             G
CHE PIU' NON C'E'...

domenica 9 febbraio 2014

Sanremo 1992 - Paolo Vallesi - La forza della vita







 Sanremo 1992 

 Paolo Vallesi - midi karaoke 

 I vincitori del Festival dal 1951





 Paolo Vallessi- midi karaoke 

IL testo

Anche quando ci buttiamo via
 per rabbia o per vigliaccheria
 per un amore inconsolabile
 anche quando in casa il posto è più invivibile
 e piangi e non lo sai che cosa vuoi
 credi c'è una forza in noi amore mio
 più forte dello scintillio
 di questo mondo pazzo e inutile
 è più forte di una morte incomprensibile
 e di questa nostalgia che non ci lascia mai.
 
Quando toccherai il fondo con le dita
 a un tratto sentirai la forza della vita
 che ti trascinerà con se
 amore non lo sai
 vedrai una via d'uscita c'è.
 
Anche quando mangi per dolore
 e nel silenzio senti il cuore
 come un rumore insopportabile
 e non vuoi più alzarti
 e il mondo è irraggiungibile
 e anche quando la speranza
 oramai non basterà.
 
C'è una volontà che questa morte sfida
 è la nostra dignità la forza della vita
 che non si chiede mai cos'è l'eternità
 anche se c'è chi la offende
 o chi le vende l'aldilà.
 
Quando sentirai che afferra le tue dita
 la riconoscerai la forza della vita
 che ti trascinerà con se
 non lasciarti andare mai
 non lasciarmi senza te.
 
Anche dentro alle prigioni
 della nostra ipocrisia
 anche in fondo agli ospedali
 della nuova malattia
 c'è una forza che ti guarda
 e che riconoscerai
 è la forza più testarda che c'è in noi
 che sogna e non si arrende mai.
 Coro: E' la volontà
 più fragile e infinita
 la nostra dignità
 la forza della vita.
 
Amore mio è la forza della vita
 che non si chiede mai
 cos'è l'eternità
 ma che lotta tutti i giorni insieme a noi
 finché non finirà
 Coro: Quando sentirai
 che afferra le tue dita
 la riconoscerai
 la forza della vita.
 
La forza è dentro di noi
 amore mio prima o poi la sentirai
 la forza della vita
 che ti trascinerà con se
 che sussurra intenerita:
 "guarda ancora quanta vita c'è!"

accordi

Fa                            Solm7/4
Anche quando ci buttiamo via
Fa/La
per rabbia o per viagliaccheria
La5+ Rem
per un amore inconsolabile
Sib                                               Rem4 Rem
anche quando in casa è il posto più invivibile
Solm7                              Do4
e piangi e non lo sai che cosa vuoi
Do7  Fa                                     Solm7/4
credi       c'è una forza in noi amore mio
Fa/La
più forte dello scintillio
La  Rem
di questo mondo pazzo e inutile
Sib                                       Rem7
è più forte di una morte incomprensibile
Sib                          Solm7/Do      Do7
e di questa nostalgia che non ci lascia mai.

Fa                      Do7/Sol        Do4/Sol
Quando toccherai il fondo con le dita
Fa/La                  Rem7+/9     Rem
a un tratto sentirai la forza della vita
Sib             Sib6   Fa
che ti trascinerà con se
Solm7
amore non lo sai
Do7                           Fa  Mib Sib(9) Reb
vedrai una via d'uscita c'è.   Uh

Lab                                Sib7/4
Anche quando mangi per dolore
Lab/Do
e nel silenzio senti il cuore
Fam
come un rumore insopportabile
Reb
e non vuoi più alzarti
Fam4   Fam
e il mondo è irraggiungibile
Sibm7             Sibm7/Mib
e anche quando la speranza
Solm7             Do7
oramai non basterà.

Fa                              Do7/Sol    Do4/Sol
C'è una volontà che questa morte sfida
Fa/La                  Rem7+/(9)   Rem
è la nostra dignità la forza della vita
Sib                 Sib6    Fa
che non si chiede mai cos'è l'eternità
Solm7
anche se c'è chi la offende
Do7
o chi le vende l'aldilà.
Fa                                 Di7/Sol    So4/Sol
E quando sentirai che afferra le tue dita
Fa/La                Rem7+/(9)   Rem
la riconoscerai la forza della vita
Sib             Sib6  Fa
che ti trascinerà con sé
Solm7
non lasciarti andare mai
Do7
non lasciarmi senza te.
Sib4                Sib
Anche dentro alle prigioni
Sib4             Sib
della nostra ipocrisia
Sib4                    Sib
anche in fondo algi ospedali
Sib4             Sib
nella nuova malattia
Mib7+/(9)        Mib
c'è una forza che ti guarda
Mib5m          Mib
e che riconoscerai
Dom           Dom6/La             Re
é la forza più testarda che c'è in noi
Sol
che sogna e non si arrende mai.
Sol
(E' la volontà
Lam7
più fragile e infinita
Sol/Si
la nostra dignità
Mim7            Mim
la forza della vita).
Mim7         Mim
Amore mio è la forza della vita
Do                  Lam7/Re
che non si chiede mai
Sol
cos'è l'eternità
Lam7                                    Re7
ma che lotta tutti i giorni insieme a noi
Sol
finchè non finirà.
Sol
(Quando sentirai
Lam7
che afferra le tue dita
Sol/Si
la riconoscerai
Mim7            Mim
la forza della vita).
Lam7
La forza è dentro di noi
Sol/Si
amore mio prima o poi la sentirai
Mim7           Mim
la forza della vita
Do           Lam7/Re   Sol
che ti trascinerà con         sè
Lam7
che sussurra intenerita:
Lam7/Re     Re7 Sol
"Guarda ancora quanta vita  c'è!"

STRUM. Lam7 Sol/Si Mim Re Do Re/Do Sol/Si



Sanremo 1992 - Pierangelo Bertoli - Italia d'oro







 Sanremo 1992 

 Pierangelo Bertoli - midi karaoke 

 I vincitori del Festival dal 1951







 Pierangelo Bertoli - midi karaoke 

Il testo

Racconteranno che adesso è più facile 
che la giustizia si rafforzerà 
che la ragione è servire il più forte 
e un calcio in culo all'umanità 
Ditemi ora se tutto è mutevole 
se il criminale fu chi assassinò 
poi l'interesse così prepotente che conta solo chi più sterminò 
Romba il potere che detta le regole 
cade la voce della libertà 
mentre sui conti dei lupi economici 
non resta il sangue di chi pagherà 
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro 
trovati una scusa tu se lo puoi 
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera te ne sbatti di noi 
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai 
tanto non paghi mai 
Tutto si perde in un suono di missili 
mentre altri spari risuonano già 
sopra alle strade viaggiate dai deboli 
la nostra guerra non si spegnerà 
E torneranno a parlarci di lacrime dei risultati della povertà 
delle tangenti e dei boss tutti liberi 
di un'altra bomba scoppiata in città 
Spero soltanto di stare tra gli uomini 
che l'ignoranza non la spunterà 
che smetteremo di essere complici 
che cambieremo chi deciderà 
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro 
trovati una scusa tu se lo puoi 
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera te ne sbatti di noi 
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai 
tanto non paghi mai 
Fratelli d'Italia, l'Italia s'è desta 
dell'elmo di Scipio s'è cinta la testa

accordi

RE        
Racconteranno che adesso è più facile, 
                         LA7
che la giustizia si rafforzerà
       SOL              RE
che la ragione è servire il più forte 
      SOL            RE      LA       RE
e un calcio in culo all'umanità
           MI   
Ditemi ora se tutto è mutevole 
              SI7
se il criminale fu chi assassinò
           LA          MI
poi l'interesse così prepotente 
    LA             MI   SI7
che conta solo chi più sterminò

RE
Romba il potere che detta le regole 
                     LA7
cade la voce della libertà
                SOL               RE
mentre sui conti dei lupi economici 
     SOL                     RE      LA       RE
non resta il sangue di chi pagherà

        SI7     
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro 
  LA           MI
trovati una scusa tu se lo puoi
        SI7     
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera
LA           MI
te ne sbatti di noi
        SOL#7 DO#m       
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai
         SI     MI
tanto non paghi mai    
LA   SI7   MI   LA   MI    SI7   MI
Vai !

RE
Tutto si perde in un suono di missili
                           LA7
mentre altri spari risuonano già
          SOL                        RE
sopra alle strade viaggiate dai deboli
     SOL                   RE      LA       RE
la nostra guerra non si spegnerà
             MI
E torneranno a parlarci di lacrime 
                      SI7
dei risultati della povertà
                   LA                MI
delle tangenti e dei boss tutti liberi
   LA                     MI   SI7  
di un'altra bomba scoppiata in città

RE
Spero soltanto di stare tra gli uomini
                           LA7
che l'ignoranza non la spunterà
              SOL               RE
che smetteremo di essere complici
     SOL               RE      LA       RE
che cambieremo chi deciderà

        SI7     
Italia d'oro frutto del lavoro cinta dall'alloro 
  LA           MI
trovati una scusa tu se lo puoi
        SI7     
Italia nera sotto la bandiera vecchia vivandiera
LA           MI
te ne sbatti di noi
        SOL#7 DO#m       
mangiati quel che vuoi fin quando lo potrai
         SI     MI
tanto non paghi mai   
   
LA            SI7           MI           LA   
Fratelli d'Italia, l'Italia s'è desta
MI        SI7            MI
dell'elmo di Scipio s'è cinta la testa