martedì 18 febbraio 2014

Sanremo 2014 - Cristiano De André - INVISIBILI











IL testo

INVISIBILI

di F. Ferraboschi – C. De André

Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io qualche volta passeggiavo da quelle parti lì
 Il profumo dell’estate a volte era gradevole
 E le tue medagliette al merito sul petto brillavano
 Brillavano molto più dei miei lividi
 Tu camminavi nell’inquietudine
 E la mia incudine era un cognome inesorabile
 Un deserto di incomunicabilità
 Tu eri laureato in danni irreversibili
 [che la droga provoca al cervello
 Io un po’ di questo un po’ di quello
 In fondo niente di veramente utile
 Tu eri bravissimo a specchiarti nelle vetrine
 Io altrettanto a svuotare le cantine
 Per noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la realtà
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 E ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse parlare male di noi
 Ma eravamo invisibili, talmente invisibili che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io avevo preso una stanza in affitto
 [da quelle parti lì
 Io dimostravo fondamentalmente i miei anni
 Tu ormai non sapevi più quali fossero i tuoi
 Perché a Genova si moriva a vent’anni
 Ma senza diventare mai, mai degli eroi
 Coi tuoi separati a colpi di calibro trentotto
 E i miei tenuti insieme dalla speranza per l’umanità
 Noi sempre oltre ogni limite
 Quel limite era una scommessa da non perdere mai
 Tu eri bravissimo a ballare sulle rovine
 Io altrettanto a rubare comprensione
 Di noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la verità
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 Io ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse accorgersi di noi
 Ma eravamo invisibili, che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 E u l’à ripurtòu inderée sensa ciü un sensu
 Ma òua che ghe vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa

Nessun commento:

Posta un commento