giovedì 5 febbraio 2015

Sanremo 1981 - Luca Barbarossa - Roma spogliata







Sanremo 1981  

Tutto Sanremo dal 1951 

Luca Barbarossa - midi karaoke 

I vincitori del Festival dal 1951 





Il testo

ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
quell'inverno
l'odore del caffe`
negli autobus
era di rito
e la pioggia
non cadeva giu`
per caso
e ne` per gioco
nei cinema
Holliwood cantava
la nostalgia
un po' bagnato
guardavo per la
strada la gente mia
Roma puttana
quattro dischi un
gatto una
serata strana
Roma spogliata
dei suoi tanti amori
dei suoi
vecchi fiori
Roma fatata
lasciami cantare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
Nelle macchine
appannate
dai discorsi
su carnevale
i bambini
disegnavano
spauriti
i loro cuori
e i tedeschi
vestiti come al mare
fan tremare
le signore coperte
di animali
sempre piu` rari
Roma venduta
per due soldi a una
vecchia americana
Roma nascosta
sotto il fumo nero
dei nostri cannoni
Roma incantata
lasciami suonare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
quell'inverno
quell'inverno
se la mente
non m'inganna
era d'estate
chiama i giri
che le quattro anche
stanotte sono arrivate
Roma sorella
quante volte
son partito
e ritornato
Roma mia madre
occhi tristi
che non mi hanno
abbandonato
Roma svampita
calze a rete
tacchi a spillo
e un po' di vita
Roma ingannata
dai suoi tanti amori
dai suoi vecchi fiori
Roma spogliata
lasciami cantare
una serenata
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra
ta ta ra ra ra

 accordi per chitarra 

C              Dm C9
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C              Dm G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra


C                                                       F
quell'inverno l'odore del caffe` negli autobus era di rito

Dm       G                                         C
e la pioggia non cadeva giu` per caso e ne` per gioco

                          C7            F
nei cinema Holliwood cantava la nostalgia

Dm          G
un po' bagnato guardavo per la strada la gente mia

C C7        F
  Roma puttana 

                     G                 C
quattro dischi un gatto una serata strana

            F
Roma spogliata

                  C                     G
dei suoi tanti amori dei suoi vecchi fiori

         Dm
Roma fatata

              G            C
lasciami cantare una serenata

               Dm7 G
ta ta ra ra ra     ta ta ra ra ra

C C9       C                                      F
  Nelle macchine appannate dai discorsi su carnevale

Dm     G                    G7           C
i bambini disegnavano spauriti i loro cuori

                                           F
e i tedeschi vestiti come al mare fan tremare

Dm7     G                  G7               C
le signore coperte di animali sempre piu` rari

C7        F
Roma venduta

                       G           C
per due soldi a una vecchia americana

C9         F
Roma nascosta

                C                  G
sotto il fumo nero dei nostri cannoni

G9          Dm
Roma incantata

              G            C
lasciami suonare una serenata

               Dm G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C
quell'inverno 

                                                  F
quell'inverno se la mente non m'inganna era d'estate

Dm         G                             G7            C
chiama i giri che le quattro anche stanotte sono arrivate

Roma sorella 

                                  F
quante volte son partito e ritornato

Dm7        G7
Roma mia madre

                                       C
occhi tristi che non mi hanno abbandonato

           F
Roma svampita

                          G                C
calze a rete tacchi a spillo e un po' di vita

C7          F
Roma ingannata

                  C                     G
dai suoi tanti amori dai suoi vecchi fiori 


G9 Dm G C C7          Dm
          Roma spogliata

              G9           C
lasciami cantare una serenata

               F6 G
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra

C              Dm Em             C9
ta ta ra ra ra    ta ta ra ra ra 



Nessun commento:

Posta un commento