sabato 5 settembre 2015

Sanremo 2008 - Max Gazzè - Il Solito Sesso (Official Video)







Sanremo 2008  

Max Gazzè - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 2008 - Max Gazzè - Il Solito Sesso



Il testo

Ciao, sono quello che hai incontrato alla festa, 
ti ho chiamata solo per sentirti e basta… 
si, lo so, è passata appena un'ora, ma ascolta: 

c'è che la tua voce, chissà come, mi manca. 
 Se in quello che hai detto ci credevi davvero, 
 vorrei tanto che lo ripetessi di nuovo… 
dicono che gli occhi fanno un uomo sincero, 
 allora stai zitta, non parlarmi nemmeno. 
 Posso rivederti già stasera? 
 Ma tu non pensare male adesso: 
 ancora il solito sesso! 
 Perché, sai, non capita poi tanto spesso 
 che il cuore mi rimbalzi così forte addosso, 
 ed ho l'età che tutto sembra meno importante, 
 ma tu mi piaci troppo e il resto conta niente. 
 Dillo al tuo compagno che ci ha visti stanotte: 
 se vuole può venire qui a riempirmi di botte! 
 Però sono sicuro che saranno carezze, 
 se per avere te un pochino almeno servisse. 
 Posso rivederti già stasera? 
 Ma tu non pensare male adesso: 
 ancora il solito sesso! 
 Chiuderò la curva dell'arcobaleno 
 per immaginarlo come la tua corona, 
 e con la riga dell'orizzonte in cielo 
 ci farò un bracciale di regina… 
ma se solo potessi un giorno 
 vendere il mondo intero 
 in cambio del tuo amore vero! 
 Sai, qualcosa tipo “cielo in una stanza” 
 è quello che ho provato prima in tua 
 presenza… 
dicono che gli angeli amano in silenzio, 
 ed io nel tuo mi sono disperatamente perso. 
 Sento che respiri forte in questa cornetta… 
maledetta, mi separa dalla tua bocca! 
 Posso rivederti già stasera? 
 Ma tu non pensare male adesso: 
 ancora il solito sesso! 
 Correrò veloce contro le valanghe 
 per poi regalarti la fiamma del vulcano, 
 respirerò dove l'abisso discende 
 e avrai tutte le piogge nella tua mano… 
ma se solo potessi un giorno 
 vendere il mondo intero 
 in cambio del tuo amore vero! 
 Posso rivederti questa sera?
 Ma tu non pensare male adesso: 
 ancora il solito sesso! 
 Ora ti saluto, è tardi, vado a letto… 
Quello che dovevo dirti, io te l'ho detto 

 accordi per chitarra 

Fa#m                          Mi
Ciao, sono quello che hai incontrato alla festa,
Re                         Do#m
ti ho chiamata solo per sentirti e basta.
Fa#m                          Mi
si, lo so, è passata appena un'ora, ma ascolta:
Re                         Do#m
c'è che la tua voce, chissà come, mi manca.

Sol#m                             Mi
Se in quello che hai detto ci credevi davvero,
Fa#                                Re#m
vorrei tanto che lo ripetessi di nuovo.
Sol#m                             Mi
dicono che gli occhi fanno un uomo sincero,
Fa#                                Re#m
allora zitta, non parlarmi nemmeno.

Do#m                  Mi
Posso rivederti già stasera?
Sol#m                  Fa#
Ma tu non pensare male adesso:
Si                   Mi
ancora il solito sesso!

Fa#m                         Mi
Perché, sai, non capita poi tanto spesso
Re                          Do#m
che il cuore mi rimbalzi così forte addosso,
Fa#m                         Mi
ed ho l'età che tutto sembra meno importante,
Re                           Do#m
ma tu mi piaci troppo e il resto conta niente.

Sol#m                                Mi
Dillo al tuo compagno che ci ha visti stanotte:
F#                                  Re#m
se vuole può venire qui a riempirmi di botte!
Sol#m                                Mi
Però sono sicuro che saranno carezze,
F#                                  Re#
se per avere te vicino almeno servisse.

Do#m                  Mi
Posso rivederti già stasera?
Sol#m                  Fa#
Ma tu non pensare male adesso:
Si                   Mi
ancora il solito sesso!

Do#m 
Chiuderò la curva dell'arcobaleno
La
per immaginarlo come la tua corona,
Mi
e con la riga dell'orizzonte in cielo
Si
ci farò un bracciale di regina.

Sim               La
ma solo potessi un giorno
Re
vendere il mondo intero
F#m
in cambio del tuo amore vero!

Do#m                      Sol#m
Sai, qualcosa tipo "cielo in una stanza"
La                            Sol#m
è quello che ho provato prima in tua presenza.

Re#m                                Si
dicono che gli angeli amano in silenzio,
Do#                                 Sibm
ed io nel tuo mi sono disperatamente perso.
Re#m                                F#
Sento che respiri piano in questa cornetta.
Do#                                 Sibm
maledetta, mi separa dalla tua bocca!

Sol#m                    Si
Posso rivederti già stasera?
Re#m                    Do#
Ma tu non pensare male adesso:
Fa#                Si
ancora il solito sesso!

Sol#m   
Correrò veloce contro le valanghe
Mi
per poi regalarti la fiamma del vulcano,
Si
respirerò dove l'abisso discende
Fa#
e avrai tutte le piogge nella tua mano.

F#m               La
ma solo potessi un giorno
Re
vendere il mondo intero
Do#m
in cambio del tuo amore vero!

Strumentale: FA#m DO#m Re7+  DO#m FA#m DO#m Re7+  DO#m

SOL#m  LA  MI Re#m F# DO# Sibm

Sol#m                    Si
Posso rivederti già stasera
Re#m                    Do#
Ma tu non pensare male adesso:
Faa#               Si
ancora il solito sesso!

Faa#m                              Mi
Ora ti saluto, è tardi, vado a letto.
Re                                 Do#m/Fa#m
Quello che dovevo dirti, io te l'ho detto.

Sanremo 2008 - Paolo Meneguzzi - Grande







Sanremo 2008  

Paolo Meneguzzi - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 2008 - Paolo Meneguzzi - Grande



Il testo

Quando io 
Mi guardo intorno e vedo un mondo che non è 
Per me 

Diventa più difficile
 Tra mille strade riconoscere la mia
 Se c'è
 E un po' mi butto via
 E non ci credo più
 Chi può tirarmi su
 Solo tu
 Tu che sei grande...grande
 Un piccolo universo
 In cui io non mi sento perso
 Grande grande grande grande
 Più grande ancora dell'immenso
 E tutto il resto prende senso se ci sei
 Credimi
 Ci sono cose che spiegare non potrai
 Io e te
 Uniti dentro un battito
 Per superare i giorni no di questa età...che va.
 Per non cadere giù
 Per non cascarci più
 Non ho paura se
 Ci sei tu
 Tu che sei grande grande
 Un piccolo universo
 In cui io non mi sento perso
 Grande grande grande grande
 E mi risveglio nel mio letto
 Che pure immenso sembra troppo stretto
 Grande grande grande grande
 Sei come un sole sole rosso intenso,
 E tutto il resto prende senso se ci sei..
 E lo trattengo a stento
 L'amore che ho per te
 E' come un mare
 Grande...
 Un piccolo universo, in cui io non mi sento perso,
 Grande, grande, grande, grande..
 Ancora più di quell'immenso
 Perchè nessuno al mondo è grande come te..
 Più grande ancora dell'immenso
 Perchè nessuno al mondo è grande come te.

 accordi per chitarra 

MIm/DO7 
 
SOL
Quando io
   DO7  RE
mi guardo intorno e vedo un mondo che non  è per me SOL

diventa più difficile
  DO RE
tra mille strade riconoscere la mia se c'è
  DO
e un po' mi butto via
  LAM   MIm RE
e non ci credo più chi può tirarmi su solo tu... SOL  MIm7

Tu che sei grande grande
       DO
un piccolo universo
   LAm RE
in cui io non mi sento per so...
   SOL MIm
Grande grande grande grande
  DO
più grande ancora dell'immenso
  LAm RE SOL
e tutto il resto prende senso se ci sei.
SOL DO RE
Credimi, ci sono cose che spiegare non potrai io e te

 SOL      DO     RE
uniti dentro un battito per superare i giorni no di questa età che va

DO LAm7 RE MIm    RE
per non cadere giù per non cascarci più non ho paura se ci sei tu...
     SOL    MIm RE7 DO          LAm          RE
Tu che sei grande grande un piccolo universo in cui io non mi sento perso.

SOL                      MIm RE DO
Grande grande grande grande e mi risveglio nel mio letto
              LAm                      RE
che pure immenso sembra troppo stretto.
 SOL                         MIm       RE DO
Grande grande grande grande sei come un sole rosso intenso
  LAm7                        RE MIm   RE DO
e tutto il resto prende senso se ci sei, e lo trattengo a stento

LAm     SOL RE   MIb/SIb  
l'amore che ho per te è come un mare...

SOL#   FAm
Grande,           
    DO# SIbm                          MIb
un piccolo universo in cui io  non mi sento perso...
 SOL#                      FAm     DO#
Grande grande grande grande ancora più di quell'immenso

Sanremo 2009 - Francesco Renga - Uomo Senza Età







Sanremo 2009  

Francesco Renga - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 2009 - Francesco Renga - Uomo Senza Età



Il testo

 Quanta gente c'è 
 Ed aspetta me 
 Certo applaudirà 
 Ma perché io non so più 
 Trovo dentro l'anima 
 questa pena che 
 Mi riporta con il cuore a te 
 Ora in scena va 
 L'uomo senza età 
 Dilegua o notte 
 Per te canterò 
 Per te solo per te 
 Poi sorridere 
 A chi non lo sa 
 Quanto male fa 
 Ricordare di noi 
 Porto dentro l'anima 
 Questa pena che 
 Si confonde con la realtà 
 Ora in scena va 
 L'uomo senza età 
 Dilegua o notte 
 Per te canterò 
 Per te solo per te 
 Dilegua o notte 
 Per te canterò 
 Per te solo per te 

 accordi per chitarra 

FA                     DO    FA
QUANTA GENTE C'E' ED ASPETTA ME
DO         FA
FORSE APPLAUDIRA' MA PERCHE' IO NON SO PIU'
REm             FA6
TROVO DENTRO L'ANIMA
SIb9      SOLm                DO
QUESTA PENA CHE MI RIPORTA COL CUORE A TE
SIm             LA  SIm             LA
ORA IN SCENA VA L'UOMO SENZA ETA'
RE          SOL9      RE
DILEGUA O NOTTE! PER TE CANTERO'
SOLM7      SIb  RE SIbm6
PER TE SOLO PER TE
FA                       DO    FA
POI SORRIDERE A CHI NON LO SA
SIbm       FA       SIb    FA
QUANTO MALE FA RICORDARE DI NOI
DO           FA
PORTO DENTRO L'ANIMA
SIb      SOLm               LAm        RE
QUESTA PENA CHE SI CONFONDE CON LA REALTA'
LA SIm               LA
ORA IN SCENA VA L 'UOMO SENZA ETA'
RE             SOL9   RE
DILEGUA O NOTTE! PER TE CANTERO'
SIm       SIb  MIb SIb MIb
PER TE SOLO PER TE
 SIb        MIb9
DILEGUA O NOTTE!
SOL#9        DOm   MIb          SIM7  SOL#m9
PER TE CANTERO' PER TE SOLO PER TE

Sanremo 2009 - Fausto Leali - Una piccola parte di te







Sanremo 2009  

Fausto Leali  - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951 

Sanremo 2009 - Fausto Leali - Una piccola parte di te



Il testo

Quando crescono i figli, non li tieni più in braccio 
Ma diventi un ostaggio, per il loro futuro 
E si alza quel muro che non c'era mai stato 

Che segna il confine tra presente e passato… 
Quando crescono i figli non ti danno più retta 
 Hanno sempre ragione, vanno troppo di fretta 
 Sanno dirti soltanto “Buonanotte o Buongiorno” 
 E ti accorgi che è meglio… se ti levi di torno… 
E allora ripensi ai tuoi genitori 
 La tua insofferenza ai loro timori 
 Ma basta acquiloni o castelli di sabbia 
 Il mondo era là fuori 
 Tu dentro una gabbia… 
E tutto ritorna ma cambiano i ruoli 
 La scuola, lo scooter, gli amici, gli amori 
 I figli ne fanno di tutti i colori 
 Vai fuori di testa 
 Ma poi li perdoni… 
Quando crescono i figli c'è uno scontro diretto 
 Tra le loro esigenze e il tuo mare d'affetto 
 Chi si crede più grande, chi si sente più vecchio 
 Ma poi ti guardi allo specchio 
 E quel ragazzo davanti ai tuoi occhi… sei tu… 
E gridi a te stesso… 
Che tutto ritorna ma cambiano i ruoli 
 La scuola, lo scooter, gli amici, gli amori 
 I figli crescono ti tagliano fuori… 
Ma in ogni cosa che fanno 
 Sai che c'è sempre una piccola parte di te… 
E anche se poi se ne vanno… 
Sai che c'è sempre una piccola parte di te... 
 
 accordi per chitarra 

DO FADO                       SOL
Quando crescono i figli non li tieni più in braccio
LAm                      MIm
Ma diventi un ostaggio per il loro futuro
FA                       LAm
E si alza quel muro che non c'era mai stato
SIb                         SOL
Che segna il confine tra presente e passato
DO                       SOL
Quando crescono i figli non ti danno più retta
SOLm                    FA
Hanno sempre ragione vanno troppo di fretta
FAm                  DO
Sanno dirti soltanto Buonanotte o Buongiorno
REm                         SOL
E ti accorgi che è meglio se ti levi di torno
DO                  MI7
E allora ripensi ai tuoi genitori
LAm                DO
La tua insofferenza ai loro timori
FA                LAm
Ma basta aquiloni o castelli di sabbia
RE                   SOL
Il mondo era fuori Tu dentro una gabbia
DO                MI7
E tutto ritorna ma cambiano i ruoli
LAm                    DO7
La scuola, lo scooter , gli amici , gli amori
FA                  LAm
I figli ne fanno di tutti i colori
RE7                 SOL
Vai fuori di testa ma poi li perdoni
RE                                   LA
Quando crescono i figli c'è uno scontro diretto
LAm                     SOL
Tra le loro esigenze e il tuo mare di affetto
SIb                   RE
Chi si crede già grande chi si sente più vecchio
MI7
ma poi ti guardi allo specchio
LA7                                     LA  SOL REm6 DO
E quel ragazzo davanti ai tuoi occhi sei tu
 
MI                     LA                   DO#
E gridi a te stesso e tutto ritorna ma cambiano i ruoli
FA#m                  LA7
La scuola lo scooter gli amici, gli amori
RE              FA#m
I figli crescendo ti tagliano fuori
SI7
Ma in tutto quello che fanno
RE                                       FA#m  SI
Sai che c'è sempre una piccola parte di te
REM7
E anche se poi se ne vanno
RE9                                      LA LA9 LA
Sai che c'è sempre una piccola parte di te

Sanremo 2009 - Pupo, Paolo Belli, Youssou N'Dour - L'opportunità







Sanremo 2009  

Pupo - midi karaoke  

I vincitori del Festival dal 1951

Sanremo 2009 -  Pupo, Paolo Belli, Youssou N'Dour - L'opportunità



Il testo

Caro amico sconosciuto, io mi sento combattuto

tra la voglia di aiutare e i problemi da affrontare

nel cercare la risposta mi smarrisco perché so

quanto vale quanto costa questa volta dirti no.

Io vorrei che in questi giorni cosi pieni di paure

ci stringessimo la mano come fra persone vere

senza rancori o diffidenza lasciando posto alla speranza

che con un briciolo di sole si uniforma ogni colore.

Vivere insieme poi non è impossibile dipenderà da noi

vivere l'essere diversi come un'opportunità benvenuto amico e anche a chi non ha una casa, né un paese

ma solo offese

non esiste un'altra strada alternativa all'umiltà.

Benvenuto qua, benvenuto.

Caro amico sconosciuto, anch'io sono combattuto,

fra il ogno di restare e la voglia di fuggire.

Per tornare nella terra dove io sono cresciuto,

dove il tempo si è fermato, caro amico sconosciuto.

Ogni strada è lastricata d'incertezza e buche fonde

il destino è stato duro, qualche volta anche con noi.

Io non voglio più sfuggire, il tuo sguardo amico caro

e non voglio che il problema sia la chiesa od il denaro.

Vivremo insieme noi, supereremo i mille ostacoli vedrai

vivremo l'essere diversi come un'opportunità,

benvenuto amico e anche a chi,

non ha una casa né un paese, ma solo offese.

Non esiste un'altra strada alternativa all'unità,

benvenuto qua

Vivremo l'essere diversi come un'opportunità.

Benvenuto qua, benvenuto qua.

Benvenuto.

 accordi per chitarra 

C Gsus4

      C
CARO AMICO SCONOSCIUTO IO MI SENTO COMBATTUTO


TRA LA VOGLIA DI AIUTARE E I PROBLEMI DA AFFRONTARE

                               C
NEL CERCARE LA RISPOSTA MI SMARRISCO PERCHE' SO

                                              C G C G
QUANTO VALE QUANTO COSTA QUESTA VOLTA DIRTI NO      


      C                              G6
IO VORREI CHE IN QUESTI GIORNI COSI' PIENI DI PAURE

           A7                Dm
CI STRINGESSIMO LA MANO COME FRA PERSONE VERE

         Fm                          C
SENZA RANCORI O DIFFIDENZA LASCIANDO POSTO ALLA SPERANZA

           C9
CHE CON UN BRICIOLO DI SOLE SI UNIFORMA OGNI COLORE

G                C               F
VIVERE INSIEME POI NON E' IMPOSSIBILE DIPENDERA' DA NOI

C      F                      Em
VIVERE L'ESSERE DIVERSI COME UN'OPPORTUNITA'

Dm         F              C
BENVENUTO AMICO E ANCHE A CHI

             F                           C
NON HA UNA CASA NE' UN PAESE MA SOLO OFFESE

     F                            Em
NON ESISTE UN'ALTRA STRADA ALTERNATIVA ALL'UMILTA'

Dm        C9
BENVENUTO QUA BENVENUTO

D                              A6
CARO AMICO SCONOSCIUTO ANCH'IO SONO COMBATTUTO

         B7                       Em
FRA IL BISOGNO DI RESTARE E DI FUGGIRE

       Gm6                   D
PER TORNARE NELLA TERRA DOVE IO SONO CRESCIUTO

        D9                  Esus4     E
DOVE IL TEMPO SI E' FERMATO OGNI STRADA E' LASTRICATA

       B6                          C#7
D'INCERTEZZA E BUCHE FONDE IL DESTINO E' STATO DURO

        F#m                        Am6
QUALCHE VOLTA ANCHE CON NOI IO NON VOGLIO PIU' SFUGGIRE

       E                        E9
IL TUO SGUARDO AMICO CARO E NON VOGLIO CHE IL PROBLEMA

                         F#m       A       E
SIA LA FEDE OD IL DENARO VIVREMO INSIEME NOI

        B9
SUPEREREMO I MILLE OSTACOLI VEDRAI

E       A                      C#m
VIVREMO L'ESSERE DIVERSI COME UN'OPPORTUNITA'

F#m        A              E
BENVENUTO AMICO E ANCHE A CHI

             B9                          E
NON HA UNA CASA NE' UN PAESE MA SOLO OFFESE

     A                            G#m
NON ESISTE UN'ALTRA STRADA ALTERNATIVA ALL'UNITA'

F#m      E A9 B7 E A9 B7
BENVENUTO             


            A                  C#m
VIVREMO L'ESSERE DIVERSI COME UN'OPPORTUNITA'

A             E A         E B
BENVENUTO QUA   BENVENUTO   BENVENUTO