martedì 18 febbraio 2014

Sanremo 2014 - Giusy Ferreri - L’AMORE POSSIEDE IL BENE











Il testo

L’AMORE POSSIEDE IL BENE
di R. Casalino – N. Verrienti – R. Casalino

Trattengo il respiro
 Ma conto fino a sette
 Perché all’improvviso tu irrompi e mi baci
 Ho il sale sulle labbra
 Non è acqua di mare
 Sorridere fa bene, rimpiangere fa male
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui vado avanti
 Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque tu possiedi me
 E io te, e io te.
 Disegno a parole
 Il mondo che ho dentro
 La vita risponde ad ogni quesito
 Lontani da sempre
 Dai luoghi comuni
 Inutili come sassi i nostri rancori
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui guardo avanti
 Lascio dietro me mille ricordi
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque io possiedo te
 E tu me, e tu me
 Rimpiangere fa male
 Sorridere fa bene
 L’amore ci possiede…
 Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
 Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
 E nel momento in cui vado avanti
 Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
 È l’amore a possedere il bene,
 Dunque tu possiedi me
 E io te, e io te
 L’amore possiede il bene
 L’amore possiede il bene

 accordi per chitarra 

LA  MI  SOL  RE

   LA
Trattengo il respiro
    MI
Ma conto fino a sette
   SOL                                 RE
Perché all’improvviso tu irrompi e mi baci
     LA
Ho il sale sulle labbra
    SI-
Non è acqua di mare
   SOL                  RE
Sorridere fa bene, rimpiangere fa male
FA#-                             RE              LA
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                           MI          LA
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
  FA#-                           RE
E nel momento in cui vado avanti
LA                                  MI
Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
FA#-                         
È l’amore a possedere il bene,
       RE         LA
Dunque tu possiedi me
             LA
E io te, e io te.
   LA
Disegno a parole
    MI
il mondo che ho dentro
   SOL                     RE
La vita risponde ad ogni quesito
  LA
Lontani da sempre
    SI-
Dai luoghi comuni
   SOL                           RE
Inutili come sassi i nostri rancori
 
FA#-                             RE            LA             MI
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                          RE           LA          MI          
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
FA#-                              RE
E nel momento in cui guardo avanti
LA                             MI
Lascio dietro me mille ricordi
FA#-                         
È l’amore a possedere il bene,
     RE            LA
Dunque io possiedo te
          MI     RE
e tu me, e tu me
RE
Rimpiangere fa male
LA
Sorridere fa bene
           SI-
L’amore ci possiede…
FA#-                              RE              LA         MI
Dopo tutti questi anni che ho passato insieme a te, na na na… na na na
FA#-                            RE        LA           MI  
Ho capito che non posso allontanarmi perché, na na na… na na na
FA#-                             RE
E nel momento in cui vado avanti
LA                               MI
Lascio dietro me i tuoi occhi spenti
FA#-                       
È l’amore a possedere il bene,
       RE           LA
Dunque tu possiedi me
     MI        LA
E io te, e io te
L’amore possiede il bene
L’amore possiede il bene.

Sanremo 2014 - Cristiano De André - INVISIBILI











IL testo

INVISIBILI

di F. Ferraboschi – C. De André

Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io qualche volta passeggiavo da quelle parti lì
 Il profumo dell’estate a volte era gradevole
 E le tue medagliette al merito sul petto brillavano
 Brillavano molto più dei miei lividi
 Tu camminavi nell’inquietudine
 E la mia incudine era un cognome inesorabile
 Un deserto di incomunicabilità
 Tu eri laureato in danni irreversibili
 [che la droga provoca al cervello
 Io un po’ di questo un po’ di quello
 In fondo niente di veramente utile
 Tu eri bravissimo a specchiarti nelle vetrine
 Io altrettanto a svuotare le cantine
 Per noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la realtà
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 E ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse parlare male di noi
 Ma eravamo invisibili, talmente invisibili che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Tu abitavi in via dell’amore vicendevole
 E io avevo preso una stanza in affitto
 [da quelle parti lì
 Io dimostravo fondamentalmente i miei anni
 Tu ormai non sapevi più quali fossero i tuoi
 Perché a Genova si moriva a vent’anni
 Ma senza diventare mai, mai degli eroi
 Coi tuoi separati a colpi di calibro trentotto
 E i miei tenuti insieme dalla speranza per l’umanità
 Noi sempre oltre ogni limite
 Quel limite era una scommessa da non perdere mai
 Tu eri bravissimo a ballare sulle rovine
 Io altrettanto a rubare comprensione
 Di noi amici, pochi amici, pochissimi amici
 Tu eri fortissimo a inventarti la verità
 Io liberissimo di crederla o non crederla
 Io ho sempre sperato che qualcuno un giorno
 Potesse accorgersi di noi
 Ma eravamo invisibili, che non ci vedevamo mai
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 Pe ripurtane inderée sénsa ciü un sensu
 Ma òua che se vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa
 Stu ténpu
 Ch’u s’è pigiòu a beléssa e u nòstru cantu
 E u l’à ripurtòu inderée sensa ciü un sensu
 Ma òua che ghe vedemmu
 Dumàn tüttu u cangiàa

Sanremo 2014 - Perturbazione - L’ITALIA VISTA DAL BAR











Il testo

L’ITALIA VISTA DAL BAR
di T. Cerasuolo – P. Giancursi – A. Baracco – P. Giancursi -

L’Italia vista dal bar
 È un’istantanea di noi
 Quasi impossibile da spiegare
 Non c’è governo che tenga
 Una possibilità
 Che qualche cosa potrà cambiare
 Un Biancosarti al mattino
 Cappuccini fumanti
 Il centravanti cos’ha mangiato
 I tramezzini imbottiti
 I vecchi pensionati
 Inebetiti con il passato
 E questi siamo noi
 Poeti, santi ed avventori
 E mediamente eroi
 Qualcuno ce l’ha fatta
 Ed è volato via
 Ma quanta nostalgia
 L’Italia vista dal bar
 È sempre un fatto degli altri
 Ognuno c’entra
 E si sente a casa
 C’è il giornale che aspetta
 Un’altra sigaretta
 Un salutarsi come per strada
 E uno straniero è straniero
 Perché questo mistero
 Resterà senza soluzione
 E se la gente s’incazza
 Scenderemo in piazza
 Oppure a far la ri-colazione
 E questi siamo noi
 Poeti, santi ed avventori
 E mediamente eroi
 Qualcuno ce l’ha fatta
 Ed è volato via
 Ma quanta nostalgia che ha
 E non importa se il posto
 Non è più fisso, non è più lo stesso
 Ci deve essere un nesso
 Tra la felicità e l’espresso
 Proprio adesso
 Proprio adesso
 L’Italia vista dal bar
 È un’istantanea di noi
 Quasi impossibile da spiegare
 Ed io che cerco un nesso
 Tra un desiderio espresso
 E la felicità qui e adesso

Sanremo 2014 - Arisa - Lentamente











Il testo

LENTAMENTE 
di C. Donà – R. Pippa – S. Lanza – C. Donà
 
Il primo che passa
 Si prenderà il cuore
 La mia voce amara
 E l’anima se la vuole
 Quell’orologio fermo che hai lasciato sopra il letto
 Il primo che passa
 Si porterà via
 Il tuo ultimo abbraccio
 La nostra vita e così sia
 Quell’orologio fermo da un po’ si è sciolto sopra il letto
 E tu sei scivolato dentro a questo mio risveglio
 Lentamente si apre il giorno davanti a me
 Luce calda che l’orizzonte fa nascere
 Cresce una mela su un ramo ed io vivo
 Masticare la realtà nuda
 Certamente poi mi servirà a non avere paura
 È come guardi il mondo che poi
 Ti cambia tutto dentro
 E penso a te su questo su questo prato
 Dove una volta per te ho cantato
 L’alba è pronta ed io mi commuovo sempre
 Lentamente si apre il giorno davanti a me
 Luce calda che l’orizzonte fa nascere
 Stacco la mela da un ramo ed io vivo
 Lentamente
 Luce calda che l’orizzonte sa far nascere
 Cade una mela da un ramo ed io vivo

Sanremo 2014 - Frankie Hi-Nrg Mc - UN UOMO È VIVO











Il testo

UN UOMO È VIVO

di F. Di Gesù – C. Galbignani  
F. Di Gesù - C. Galbignani – L. Beccafichi
 
Il ritorno, guardarsi intorno, come fosse il primo
 giorno dopo l’inferno. Tutto è fermo in un interno,
 tutto predisposto all’eterno. Sotto la polvere c’è
 della cenere in quel posacenere, quello che era
 di là, che è sempre stato di là, quello che usava
 papà, cosa ci fa su quel tavolo? In quei giorni
 tutto prende un altro posto, tutto prende un
 alto costo, tutto prende un altro gusto, assai
 robusto: sembra tutto meno giusto, sembra
 guasto. Oggi reincontro dei mobili, gli unici
 ospiti, quelli che abitano i posti che il tempo
 rende muti, ma se ascoltati nei contenuti parlano.
 Quello che era normale è passato di qua,
 Quello che era normale è passato…
 Quello che era speciale si ritroverà.
 Quello che era speciale è restato…
 Quello che era per sempre non ritornerà.
 Quello che era per sempre è cambiato…
 Quello che era normale è passato di qua,
 Quello che era normale…
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre
 Mobili, compagni stabili, con gambe solide, con
 forme utili, eppure immobili: testimoni degli
 eventi storici, che i terremoti son riusciti a
 scuotere, che hanno visto la pianura e il mare,
 che hanno avuto tempo per pensare, da un
 punto di vista sempre uguale, loro c’erano
 ad ogni Natale. È normale che la sensazione
 sia gelida, come quella dell’ennesima visita,
 con mani da stringere, giacche da scegliere,
 tutti a convincersi dell’irreparabile. Poi tutto
 evapora e restan le cose, polverose, poderose,
 dove si nascose l’anima dei figli e delle spose.
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre…
 Uomini rapiti dalle case, dalle cose, dalle accuse,
 dalle scuse silenziose, dalle attese, da chi le ha
 deluse, da chi le ha pretese. Ed ora queste cose,
 importanti: cose da grandi. Cose che arrivano,
 che non domandi, non rimandi, che tramandi.
 Un uomo è vivo quando respira – un uomo è vitale se fa respirare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa suo padre
 Un uomo nascendo conosce l’amore – un uomo crescendo impara ad amare
 C’è un istante nel quale ogni uomo diventa sua madre…

Sanremo 2014 - Antonella Ruggieri - QUANDO BALLIAMO











Il testo

QUANDO BALLIAMO
di S. Lenzi – A. Ruggiero – R. Colombo – A. Ruggiero

Nel cuore più vivo della verità
 Intenso è il mio pensiero
 Socchiusa negli occhi scintilla
 L’immagine nitida, tu
 Sei questo respiro infinito
 Di pioggia dai vetri giù in rivoli
 Passa tutto scivola se
 La tua mano mi attende
 Tutto passa e va via
 Io voglio che tu sia
 Tra le più belle cose
 Tra le più belle cose
 M’innamorerò di te
 Tutti i santi giorni che
 Si fa la sera e torno a casa
 Ci guardiamo complici
 Tra la gente gli unici
 Quando balliamo insieme io e te
 La luce scoperta in un battito
 Le ombre… si dissolvono
 Passa tutto scivola se
 La tua mano mi stringe
 Siamo solo noi due
 Ma voglio siano tue
 Le mie più belle cose
 Le mie più belle cose
 M’innamorerò di te
 Tutti i santi giorni che
 Si fa la sera e torno a casa
 Ci guardiamo complici
 Tra la gente gli unici
 Quando balliamo insieme io e te

Sanremo 2014 - Raphael Gualazzi - TANTO CI SEI








 
TANTO CI SEI
 di G. Sangiorgi – R. Gualazzi – B. C. Rifo – R. Gualazzi

Tanto ci sei
 Ogni volta che
 La voce trema e poi
 Tu sei qui
 Di fronte a me
 Immobile
 Canto leggero e sei
 Soffio d’anima e aria
 Nessuno può vederti a parte me
 Ma so che ci sei
 Ad occhi chiusi puoi
 Trasformarti in tutto quello
 Che non sono stato mai
 (Mmmmh)
 Sembri uguale a me
 Se ripenso a te
 Non ho più bocca e poi
 Canto e torni
 Come se
 Non ci fosse più
 Niente più
 D’impossibile
 Suono e ci sei
 Tra le dita sei
 Ah ah
 Mi perdo sempre qui
 Se se ti penso, sbaglio e mi perdo
 Sempre qui
 Sempre qui
 Sempre qui
 Ti vedo adesso
 Nel nero scivoli
 Non andar via
 Resta qui
 Resta qui
 Resta qui
 Proprio qui
 E lasciati guardare
 Non ho più mani e allora torni
 Come se
 Fossi ancora qui
 Ad occhi chiusi puoi
 Trasformarti in tutto quello
 Che non sono stato mai
 (Mmmmh)
 Sembri uguale a me
 Se ripenso a te
 Non ho più bocca e poi
 Canto e torni
 Come se
 Non ci fosse più
 Niente più
 Niente più
 D’impossibile